Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Estremità.

V. però sai sono curiosa. In che senso ti eri radicalizzato?
F. beh mi ero reso conto di aver raggiunto il limite estremo.
V. e come ti rendi conto di aver raggiunto il limite estremo?
F. quando oltre, non c'è niente.


Breve discussione. Non così breve da non lasciare entrambi a riflettere ancora un po' dopo che fosse finita.
Parlavamo di tante cose. Discutevamo di pensieri, di vita, di scelte.
Parlavamo del sentiero che ognuno di noi compie, solcandolo.
Parlavamo di noi. Di come si vive al giorno, alla sera, alla notte.
Parlavamo del perché si fa ciò che si fa. La motivazione che ti spinge. Anche nelle cose apparentemente non-sense. Ad esempio nel fare una fotografia con una tegola.


E poi mi è venuto in mente quel libro, che tengo sempre con me, assieme a Tennyson, l'Etica Nicomachea e Foglie d'Erba di Whitman.

Questo almeno ho imparato dal mio esperimento, che se si avanza fiduciosi nella direzione dei propri sogni e si tenta di vivere la vita che si è immaginata, si…

Ultimi post

Consonanze imperfette: la chiave.

Io non ho formule.

Cecità